Le 3 strategie chiave per continuare a migliorarsi

Le 3 strategie chiave per continuare a migliorarsi

Scopri gli elementi fondamentali di una strategia per il miglioramento continuo.

Prendi la migliore versione di te stesso. Forte, atletico, in perfetta forma, Quante flessioni a terra pensi che riusciresti a fare? Cinquanta o forse cento se sei particolarmente forte. Sarebbe già un ottimo risultato ma saresti piuttosto lontano dal record di Minoru Yoshida, un giapponese che nel 1980 è riuscito a fare 10.507 flessioni consecutive. Preferisci le trazioni alla sbarra? La maggior parte delle persone non riesce a farne nemmeno una, ma mettiamo che tu sia in gran forma. Arriverai a 10 forse 20 trazioni. Jan Kares, della Repubblica Ceca, nel 2014, ne ha fatte 4654 in 12 ore.

Questi sono esempi estremi dell'enorme capacità di adattamento del nostro organismo. Una sorta di plasticità che permette al corpo e alla mente di raggiungere traguardi impensabili se sollecitati nel modo corretto.

 

Il nostro corpo e la nostra mente possono raggiungere traguardi impensabili se sollecitati nel modo corretto

 

Potremmo parlare di musicisti, scrittori, pittori, atleti, militari dei corpi d'elite ma anche di lavori più comuni, come quello del taxista. Per ottenere la licenza, i taxisti di Londra, per esempio, devono conoscere a memoria qualcosa come 25.000 strade e milioni di punti di riferimento che permettano loro di interpretare le richieste dei clienti più esigenti, anche quando questi non sono precisi con l'indirizzo desiderato. Secondo un reportage del New York Times proprio sui taxisti londinesi, ad un esame è stato chiesto addirittura a quale indirizzo corrispondesse un palazzo che sulla facciata ha una statuetta di pochi centrimetri di un topo che mangia del formaggio! Per prepararsi a questo tipo di esame, i candidati taxisti passano mesi, se non anni, a girare per Londra in macchina o in moto studiando ogni minimo dettaglio degli intinerari: la strada più breve, quella da usare nelle ore di punta con più traffico, quella dove ci sono meno semafori, quella più panoramica. In sostanza, devono assimilare ogni nozione necessaria a diventare una specie di navigatore umano. Sì, perché i navigatori elettronici sono considerati dall'ente che rilascia le licenze, imprecisi, lenti e fuorivianti.

Ma quali sono le variabili che permettono di raggiungere prestazioni fisiche o mentali eccezionali?

Cosa contraddistingue le persone capaci di raggiungere risultati nettamente al di sopra della media?

 

Ti sembrerà strano ma decadi di studi hanno dimostrato che l'unica cosa che fa davvero la differenza sono le ore passate a perfezionare il mestiere, gli anni di allenamento, il numero enorme di ripetizioni per lo più sempre dello stesso gesto.

Gli spartani dicevano che colui che suda di più in allenamento sanguina meno in guerra. Avevano capito molto bene il valore della preparazione. Il talento non c'entra nulla con il risultato finale, per quanto questo possa sorprendere la maggior parte di noi, abituati a ritenere che se qualcuno fa qualcosa di eccezionale non è per la fatica che è stato in grado di tollerare negli anni ma piuttosto per qualche forma di innata fortuna.

Il talento sta nel saper tollerare il lavoro che devi fare.

Forse l'unico vero talento a cui i grandi risultati possono essere collegati è quello di saper pianificare l'ascesa ai massimi livelli della propria arte, attraverso alcuni passi chiave, alcune strategie che rimangono tali anche se gli obiettivi sono diversi. Il talento sta nel saper tollerare il lavoro che devi fare.

 

Gli spartani dicevano che colui che suda di più in allenamento sanguina meno in guerra. Avevano capito molto bene il valore della preparazione.

 

Del resto, anche la risposta di adattamento dell'organismo si fonda sempre sugli stessi principi: se allenate i bicipiti crescono i bicipiti, se allenate il cervello crescono i neuroni. Non è uno scherzo: uno stimolo corretto costringe le parti del corpo che devono gestire lo stimolo stesso a ottimizzare le proprie capacità di risposta con più fibre muscolari oppure più neuroni, più enzimi o più neurotrasmettitori. Gli adattamenti anatomici e funzionali sono una risposta temporanea allo stimolo.

Nei taxisti londinesi, per esempio, cresce l'ippocampo (una zona deputata alla gestione della memoria) ma quando vanno in pensione questa crescita regredisce anche se rimane un tessuto più presente rispetto ad altri soggetti che non l'hanno mai stimolato. Cosa analoga accade nell'alteta che allena un muscolo e che quando smette perde il livello di prestazione raggiunta anche se magari rimane superiore comunque a uno che è sempre stato sedentario.

Ma compresi questi aspetti generali della risposta di adattamento voglio proporti 3 componenti di una strategia del miglioramento continuo, qualsiasi sia l'avventura in cui hai scelto di imbarcarti.

I 3 componenti di una strategia del miglioramento continuo:

1. Pratica deliberata

Ogni prestazione dipende dal numero di ore e dall'impegno che metti nella preparazione. Ogni ripetizione in più è un passo verso una prestazione migliore perché nulla nell'alta prestazione avviene per caso. Come in un programma di allenamento di un atleta, così per l'ottenimento di qualsiasi risultato, è fondamentale la pianificazione della pratica.

2. Uscire dalla comfort zone

L'adattabilità di mente e corpo va stimolata spingendosi oltre i confini dei propri limiti attuali, quelli che ti fanno stare comodamente a tuo agio. L'organismo ha una spiccata tendenza a mantersi in una condizione di equilibrio e ne esce solo se costretto da stimoli sufficientemente intensi. Così accade con l'attività fisica che se non è abbastanza pesante non crea alcun adattamento a livello muscolare.

3. Non superare la capacità di adattamento

Il confine tra troppo poco ed eccessivo è molto sottile e difficile da determinare. Il successo dipende dal collocare la propria azione nel territorio che va oltre la comfort zone ma che precede l'ignoto. È la strategia dei piccoli passi. Inoltre, è fondamentale sapersi concedere dei recuperi per permettere al corpo di adattarsi a nuovi livelli di prestazione.

 

 

PER APPROFONDIRE: Vuoi intraprendere la strada del miglioramento verso uno stile di vita sano e al pieno delle tue energie? Scopri in questo video la chiave per potenziare davvero la tua salute.

Da questa analisi emergono 3 parole chiave che possiamo usare come sommario della strategia:

1. Ripetere

perché senza i numeri il miglioramento non ci sarà mai;

2. Rischiare

perché senza spingersi oltre i propri confini non si può migliorare;

3. Recuperare

perché se si va troppo oltre e non ci si sa dosare, l'organismo non potrà adattarsi e soccomberà al peso eccessivo delle nostre richieste.

 

 

Questa è la regola delle 3R che uso per aiutare le persone a salire i gradini che portano a raggiungere il massimo del loro potenziale.

 

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Linkedin

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.