Gestire il peso e la salute con le giuste associazioni a tavola (prima parte)

Gestire il peso e la salute con le giuste associazioni a tavola (prima parte)

Certi alimenti possono essere più o meno salutari a seconda di come vengono associati e consumati: scoprite oggi alcuni degli abbinamenti più sani.

Associare i cibi a tavola nel modo giusto permette non solo di ottimizzare la loro salubrità e consentire al nostro corpo di assimilare al massimo le proprietà degli alimenti, mantenendoci più in salute, ma anche di accrescere il benessere quotidiano aumentando l'energia e la vitalità durante la giornata e la qualità del sonno durante la notte, e migliorare i processi digestivi e intestinali facilitando la gestione del peso corporeo. Inoltre, secondo gli esperti inglesi dell'Institute of Food Research (LFR) di Norwich, Gran Bretagna, una dieta che associa alcuni cibi in una stessa portata li rende fino a 13 volte più efficaci nel prevenire i tumori rispetto a quelli mangiati da soli.

Dunque vale davvero la pena di approfondire! Ma come potenziare o annullare i benefici di certi alimenti con le nostre scelte alimentari e ricette quotidiane? Incominciamo oggi con gli abbinamenti virtuosi.

Gli abbinamenti virtuosi

1. Olio extravergine Quando condite le carote e i pomodori, utilizzate sempre olio extravergine d'oliva, anche quando ci tenete alla linea! Oltre che ad essere un alimento prezioso e benefico che non dovrebbe mai mancare sulla nostra tavola, gli esperti hanno evidenziato che l'olio extravergine consente al licopene dei pomodori, così come al betacarotene contenuto nelle carote, di essere assorbito meglio. Ricordiamocene in estate, per esaltare l'abbronzatura!

2. Limone Sempre in tema di condimenti, il limone è un altro frutto preziosissimo che dovremmo utilizzare ogni giorno: com’è ormai risaputo, infatti, la vitamina C consente l’assorbimento del ferro contenuto negli alimenti. Dunque, condite gli spinaci, i legumi, la carne, i cavoli, ecc. con tanto succo di limone.

Inoltre potreste anche creare ricette mirate unendo alimenti ricchi in vitamina C (ortaggi quali la lattuga, i radicchi, gli spinaci, broccoletti, cavoli e broccoli, pomodori e peperoni, o tuberi come il sedano rapa, il topinambur o le patate novelle, o frutta come gli agrumi in generale, l’ananas, il kiwi, le fragole, le ciliegie, ecc.) ad altri cibi o spezie contenenti ferro (carne, legumi, soia, amaranto, prugne secche e altra frutta essiccata, semi di zucca, cannella, alghe, etc.): con una bella porzione di fragole alla cannella diventerete più forti di Braccio di Ferro! Oltre all’assorbimento del ferro, la vitamina C accresce anche l'effetto delle sostanze antiossidanti contenute nel tè verde, per cui non fatevi mancare mai una spruzzata di succo di limone nel vostro the verde del mattino.

3. Le spezie e le erbe aromatiche Forse non tutti sanno che le erbe aromatiche e le spezie potenziano gli effetti antiossidanti dei vegetali. Secondo il British Journal of Nutrition, infatti, solo 3 grammi di maggiorana aggiunti a 200 grammi di insalata ne quadruplicano l'effetto antiossidante! Arricchite dunque i vostri piatti ed insalate con le spezie più tradizionali e mediterranee, come maggiorana, rosmarino, peperoncino, salvia, o più esotiche come il curry, la curcuma, il cumino, e li renderete molto più gustosi e colorati, oltre che salutari!

4. La frutta secca La frutta secca come mandorle e noci, ed i semi oleosi, come il sesamo, il girasole e i semi di lino e zucca sono notoriamente ricchi di vitamina E ed il suo effetto protettivo e antiossidante può essere potenziato ancora di più dal resveratrolo, sostanza contenuta nella buccia dell’uva, nel vino rosso, nelle bacche scure (come mirtilli, mirtilli rossi, more), nei pistacchi e nelle arachidi, ottenendo tra l’altro un effetto protettivo sull'apparato cardiocircolatorio, sul cervello e molte altre parti del corpo. Un paio di noci ad accompagnare un buon bicchiere di vino possono essere più che un’idea elegante e piacevole, ma anche molto salutare!

5. L’aglio È interessante sapere che l’aglio ed i finocchi si rafforzano a vicenda creando una sinergia che va a contrastare le malattie degenerative. Inoltre l'anetolo contenuto nel finocchio elimina l’antipatico effetto dell'aglio sull'alito... quindi se amate l’aglio ma avete una serata speciale in compagnia, sgranocchiate un po’ di finocchi prima di uscire (o se non bastasse, bevete dell’acqua con qualche goccia di olio essenziale di anice).

6. Il cavolo Come ci dicono gli esperti di nutrizione, la sinergia tra il sulforafano presente nei vari tipi di cavoli ed il selenio contenuto nel pesce agisce creando una potente azione antiossidante, preventiva contro alcune forme di tumore. Abbiniamo dunque del buon pesce fresco a cavoli e broccoli di ogni tipo nelle nostre ricette!

Tutti questi abbinamenti virtuosi ci dimostrano come, quando pensiamo semplicemente di "mangiare", in realtà stiamo fornendo al corpo precise informazioni che userà per funzionare in modo corretto. Saper conoscere a fondo questi meccanismi è la chiave d'accesso alla salute vera. Se vuoi approfondire queste tematiche, puoi cogliere l'occasione di partecipare al nuovo corso online di Nutrizione Potenziativa.

Continuate a seguirci, presto scoprirete gli abbinamenti a tavola da evitare.

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK