Acqua, i benefici che non ti aspetti

Acqua, i benefici che non ti aspetti Contrastare la tipica spossatezza primaverile e controllare gli attacchi di fame è facile… come bere un bicchiere d’acqua!

La primavera è arrivata, la temperatura si alza e il nostro corpo è assetato di acqua.

Pochi sanno che la spossatezza del cambio di stagione può dipendere da un’idratazione insufficiente: un adulto è composto per il 70% di acqua, e basta perderne l’1% sotto forma di sudore e vengono meno le forze.

Secondo i LARN 2012 (Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana) della Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU), l’Assunzione Adeguata di acqua per il maschio adulto è di 2,5 litri, per la donna di 2 litri al giorno.

L’acqua può essere assunta o come tale - e in questo caso è meglio scegliere un’acqua oligominerale con un residuo fisso tra 250 e 500 mg/L per garantire anche un minimo apporto di minerali - o sotto forma di tisane, tè verde, centrifughe di verdura o di frutta, con moderazione, che contengono anche antiossidanti con azione protettiva.

Ma bere acqua può essere utile anche per rimettersi in forma in vista della bella stagione perché aiuta anche a controllare la fame e lo fa in diversi modi:

  • "Pulisce" la bocca: ovvero fa l'"effetto dentifricio" e con una bocca pulita si è meno portati a mangiare;
  • Placa gli appetiti: la fame a volte è un appetito, cioè una fame selettiva che indica il bisogno di particolari nutrienti. Non è infrequente mangiare alla ricerca di acqua o di minerali - come il calcio ad esempio - contenuti nell'acqua;
  • Spezza il ritmo del pasto: per cui sì, va bene bere anche a pasto (tranne in rari casi) e così facendo non solo ci si idrata, ma interrompendo l'azione del mangiare si assumono le pietanze più lentamente e mangiare più lentamente rende più percepibile il senso di sazietà;
  • Riempie al momento: soprattutto se facciamo fatica a limitare quantitativamente i pasti, magari perché ci piace sentire la pancia piena prima di fermarci, bere 3-4 bicchieri di acqua durante pranzo o cena conferisce quel senso di sazietà che ci fa alzare da tavola apparentemente satolli.
 

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Twitter

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.