Dr Filippo Ongaro    Dr Filippo Ongaro    Dr Filippo Ongaro

Gestione mentale ed emozionale

Non accontentarti della mediocrità

Non accontentarti della mediocrità

 

Oggi tutti si lamentano di qualcosa: della situazione economica, della violenza e del degrado sociale, dell'inquinamento, delle diseguaglianze tra ricchi e poveri, della propria salute e delle rinunce a cui la vita costringe.

È raro sentire qualcuno riflettere sulle proprie responsabilità nel dare vita ad un certo tipo di realtà personale e complessiva. In fondo tutti ci lamentiamo del traffico ma ne siamo anche noi una causa; ci preoccupiamo dell'inquinamento ma non vogliamo rinunciare ad una casa bella calda o fresca a seconda della stagione; ci impaurisce la violenza ma magari siamo i primi ad arrabbiarci per nulla; siamo terrorizzati dalle malattie che ci possono colpire ma ciononostante continuiamo a fumare, bere, mangiare troppo e rimaniamo sedentari e stressati.

Non ci sono dubbi che noi esseri umani abbiamo un fondo di contraddittorietà che è difficile comprendere razionalmente. Ogni nostro comportamento è il risultato di una complessa coordinazione tra varie aree del cervello. Alcune di queste, quelle più antiche promuovono comportamenti istintivi legati alla pura sopravvivenza; altre come la corteccia correggono il tiro sulla base di ragionamenti logici e lungimiranti, influenzati anche dalle regole sociali che ci siamo dati.

A volte la cooperazione tra le varie aree del sistema nervoso centrale funziona bene e diamo il meglio di noi; altre volte no e così emerge allora il peggio.

Ma esiste un atteggiamento di base che fa una differenza enorme nel determinare il risultato dei nostri comportamenti: l'accontentarsi o meno della mediocrità.

Fare meno sforzo, lasciare le cose a metà se nessuno se ne accorge, puntare ad ottenere qualcosa senza preoccuparsi della qualità di quello che si offre, volere il successo facile, sono tutti sintomi di una società che si accontenta della mediocrità.

Ma da dove possiamo ripartire per cambiare direzione?Dal lavoro su se stessi. Prima di tutto dal non accettare la mediocrità nella propria vita, a livello dei rapporti con gli altri, nel lavoro, negli affetti, nei gusti e nei gesti. Sforzarsi di essere completamente presenti, consapevoli, capaci di tarare i propri comportamenti e le proprie parole per dare sempre il massimo, nel tentativo non di appropriarsi di qualcosa ma di rendere il mondo un posto migliore.

Accettare la mediocrità sembra un peccato poco grave ma di fatto significa accettare di scivolare giorno dopo giorno nell'abisso dell'indifferenza, nel cratere infinito della furbizia, del fregare gli altri, del pensare solo a se stessi.

Allora proviamo a sfruttare la conclusione dell'anno per darci delle regole che permettono di neutralizzare la tendenza alla mediocrità e che stimolino l'ascesa verso la versione migliore di noi. Ecco alcuni suggerimenti:

  1. Punta a fare tutto al meglio delle tue possibilità. Chiediti prima di ogni azione se stai dando il meglio di te stesso e se la risposta è no, cambia registro.
  2. Non farti condizionare dall'ambiente esterno, anzi prova tu a condizionarlo. I gusti e gli atteggiamenti mediocri degli altri non devono impedirti di puntare al massimo.
  3. Non cedere alle lusinghe del menefreghismo. Fregarsene di tutto e di tutti sembra più facile, richiede meno impegno, in fondo basta farsi trascinare. Ma non si arriva da nessuna parte anzi si finisce con il perdere il senso della vita stessa.

Il mondo richiede con sempre più urgenza una nuova classe di eroi che non agiscono nella speranza di avere un "mi piace" in più sui social o un titolo su un giornale per appagare la sete del loro ego pieno di frustrazioni.

No, gli eroi sono quelli che fanno quello che è giusto, anche se costa fatica. E lo fanno bene.

 non accontentarti della mediocrità 2

Sono i guerrieri che difendono il senso della vita da un'ondata di indifferenza. Sono quelli che si rimboccano le maniche e che, con umiltà, lavorano su stessi, a partire dal gestire al meglio la loro salute.

 

Rimani forte, vivi a pieno!

 

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging

 

 

 

SCOPRI IL BLOG: www.filippo-ongaro.it

Dr. Ongaro® è un marchio registrato
Inner Freedom SA I Human Health & Performance
Via S. Balestra 18 | 6900 Lugano I Switzerland Bandiera Svizzera

 

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.