Dr Filippo Ongaro    Dr Filippo Ongaro    Dr Filippo Ongaro

Impara ad accettarti per ottenere risultati migliori

Ciao!

Oggi parliamo di un aspetto spesso sottovalutato nel percorso che porta al successo e al benessere personale.

E voglio introdurre il discorso con questa domanda: "quanto ami te stesso"?

PER APPROFONDIRE: Il lavoro più prezioso è quello su te stesso

Se ti stai chiedendo "che c'entra una cosa del genere con il successo?", allora ho una brutta notizia per te...

Scherzo ovviamente! :-)

Saper comprendere e accettare i nostri pregi e i nostri difetti è infatti una prerogativa fondamentale per avere successo nella vita.

Vuoi sapere perché?

Scoprilo guardando il video!

Esiste un legame molto stretto tra il "volersi bene e l'accettarsi".

Accettare chi sei è infatti il presupposto necessario per creare una relazione sana con te stesso.

Vuoi sapere perché è così importante tutto questo?

Buona visione e buon Ferragosto!

 

TRASCRIZIONE DEL VIDEO

Ti ami davvero?

Può sembrare una domanda un po'assurda, ma vorrei in questo episodio focalizzarmi sull'importanza dell'accettazione per riuscire veramente a migliorarsi.
Quindi la domanda "Ti ami davvero?" è meno scontata di quello che può sembrare; perché è chiaro che, ad un primo livello, tutte le persone dicono "Beh, certo, mi voglio bene, come no!".
Ma prova a soffermarti veramente su questa domanda e ad andare un po'più in profondità: ti prendi veramente cura di te? Ti concedi veramente dei premi? Come ti parli e come ti tratti quando sbagli? Ti fai dei complimenti davvero, nel momento in cui fai qualcosa di buono?

Ti posso garantire, per aver lavorato con tante persone, che non è così scontato rispondere "Sì, certo!".
Sono poche le persone che riescono ad instaurare un rapporto sano e rafforzante con se stesse. Molto spesso le persone vanno nella direzione esattamente opposta: il dialogo che instaurano con loro stessi, i pensieri che caratterizzano il giudizio che danno su loro stessi, sono negativi.
Molto spesso le persone sono il giudice più spietato che esista nei loro confronti: il dialogo, i termini, le parole che utilizzano nei loro confronti sono spesso ben peggiori delle parole che utilizzerebbe un nemico.

PER APPROFONDIRE: Cambia il tuo pensiero da negativo a positivo

Ci sono anche altre persone che hanno un "silenzio" che caratterizza il proprio auto-dialogo, persone che sono così inconsapevoli di quello che accade nel loro retro-pensiero che in una prima istanza dicono "Sì, certo che mi voglio bene!", e magari ti confermano anche "No, io non mi critico, non mi giudico", semplicemente perché non si accorgono di quello che sta accadendo nel loro cervello.

Perché questo accade? Perché è difficile capire il rapporto che abbiamo con noi stessi. Molto spesso c'è una tendenza a non voler andare più in profondità per un motivo molto semplice: forse ci dispiace scoprire qualcosa che non è bello. Forse ci fa paura renderci conto che in realtà non ci stiamo prendendo tanto cura di noi stessi, che in realtà non ci stiamo facendo dei complimenti, che in realtà ci insultiamo troppo spesso.

Facci caso, anche una banalità linguistica come il dire "Che stupido che sono!". Quante volte ti capita di dire "Che stupido che sono!" e quante volte ti è capitato di sentire altri che dicono "Che stupido che sono!"? Tu diresti ad un'altra persona "Che stupida che sei!”? Difficile.
Eppure siamo portati con estrema facilità a dirlo a noi stessi.

C'è un legame molto stretto tra il volersi bene, l'amarsi davvero e l'accettarsi.
Allo stesso tempo c'è una difficile comprensione di che cosa voglia dire accettarsi: nel linguaggio comune le persone pensano che accettarsi significhi passivamente accettare quello che si è e non aver nessun desiderio di migliorarsi.
In realtà ti garantisco che è proprio il contrario: accettare chi sei è il presupposto per creare una relazione sana e rafforzante con se stessi. Non vuol dire affatto rinunciare a migliorarsi, ma vuol dire togliere fuoco, cavalli, potenza a quell'azione di contrasto negativo nei tuoi confronti che non porta a niente e che toglie energia al percorso di miglioramento perché sarai sempre distratto da questo retro-pensiero negativo, da questa critica di cui magari non t'accorgi, da questo linguaggio ostile, da queste punizioni che ti dai da solo e di cui non ti rendi conto.

Quindi l'accettazione di chi sei è il fondamento positivo per costruire qualche percorso di miglioramento.
Ma perché ho scelto di fare questa domanda "Ti ami davvero?". Perché fondamentalmente l'accettazione è strettamente connessa con un termine che io apprezzo molto, ma che si sente sempre meno, che è quello dell'amor proprio. L'amor proprio non è narcisismo, l'amor proprio non è il darsi sempre ragione anche quando hai torto su tutti i livelli. L'amor proprio è volersi bene per quello che si è, l'amor proprio è creare una relazione con se stessi che si fondi su questo sentimento positivo.

Come si fa a pensare che il miglioramento di noi stessi possa basarsi e fondarsi sempre e solo su emozioni negative? Dove ti possono portare la rabbia, la frustrazione, il fastidio, l'irritazione, l'insoddisfazione? Sono sentimenti che a volte sono parte della nostra vita, ma che se sono sempre presenti ti tolgono energia. Sono sentimenti che ti tolgono il terreno sotto i piedi e rendono qualsiasi tua idea di volerti migliorare estremamente difficile e complessa.

L'amor proprio funziona in maniera esattamente opposta, ti dà quell'energia positiva per dire: "Siccome mi voglio bene, siccome mi tratto bene, credo di poter essere qualcosa in più, di poter dare qualcosa in più, di poter diventare qualcosa in più".

Ecco perché l'amor proprio è il sentimento fondante per qualsiasi percorso di miglioramento.
Il consiglio molto umile che voglio darti è di farti più spesso questa domanda. Fatti più spesso la domanda: "Mi sto trattando davvero bene? Mi sto dando un premio per aver fatto delle cose nella misura giusta? Mi sto divertendo? Sto dando sfogo alle mie passioni?".

Voglio anche sottolinearti il rischio più grosso che c'è in questa situazione, il vero freno occulto per cui questo non accade nella stragrande maggioranza delle persone è il senso di colpa perchè noi cresciamo e veniamo educati con un'idea che tutto ciò che riguarda te stesso, la tua crescita, il tuo miglioramento, il tuo divertimento, i premi che ti concedi, l'affetto che ti dai, tutto questo è sbagliato.
Questo atteggiamento ci compromette nella nostra capacità, più avanti nella vita, di stabilire un rapporto corretto con noi stessi, per cui siamo sempre portati a mettere noi in secondo piano per mettere davanti qualcosa che appare come più corretto, più altruistico, più generoso.

Attenzione però che la vera generosità, il vero altruismo, che significa dare e darsi, esiste solo se tu sei pieno di qualcosa da dare. Se tu sei vuoto, non riesci a dare nulla, se tu sei pieno di emozioni negative, riuscirai a trasferire solo queste. Piuttosto che fare qualcosa, ma pieno di emozioni negative, è meglio non farlo.

Quindi il primo passo per sviluppare l'amor proprio è liberarsi dai sensi di colpa e cercare la propria soddisfazione personale, perché una volta che hai raggiunto la tua soddisfazione personale sei pieno, ricco di emozioni positive che puoi iniziare a donare agli altri.

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging

 

 

 

SCOPRI IL BLOG: www.filippo-ongaro.it

Dr. Ongaro® è un marchio registrato
Inner Freedom SA I Human Health & Performance
Via S. Balestra 18 | 6900 Lugano I Switzerland Bandiera Svizzera

 
 

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico
anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico
anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico
anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico
anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.