Riscoprire la forza vitale

Editoriale ottobre 2016

"Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite.”

Questo pensiero dello scrittore americano Mark Twain è solo una delle tante esortazioni, dei mille inni alla libertà personale, al prendere l'iniziativa, al vivere la vita fino in fondo che scrittori, poeti, scienziati, musicisti, leader politici e pensatori ci hanno lanciato nei secoli.

Ma perché solo poche persone riescono a dare seguito a queste parole? Perché solo alcuni ce la fanno davvero a lasciare i porti sicuri, a esplorare, a sognare e a scoprire?

Twain parla di "catturare il vento nelle vostre vele", ma cos'è questo vento? Da dove viene e come si può catturarlo e sfruttarlo per navigare fino a bellissime destinazioni lontane?

E ancora, si può imparare a governare le correnti termiche fino a generare un vento sostenibile e affidabile?

Io credo che ciò che Twain chiama "vento" sia la nostra forza vitale, quell'insieme di energia fisica, psichica e spirituale che accende il nostro motore e permette di dare movimento alla nostra vita. La forza vitale produce entusiasmo, resistenza, grinta ma crea anche la chiarezza di intenti e la concentrazione che permettono il raggiungimento della destinazione prevista.

La forza vitale è come una fiamma potente ma allo stesso tempo labile, piena di energia se sostenuta dal carburante giusto ma pronta a spegnersi e ad esaurirsi se non governata. La forza vitale è quello che manca a tanti oggi, afflitti dal peso di una vita stressante, stanchi dai troppi impegni, preoccupati di un futuro sempre più incerto, delusi da circostanze che spesso hanno contribuito a creare.

Sono persone che si sono spente, rassegnate a vivere una vita a metà: metà energia, metà entusiasmo, metà felicità e metà salute, se non meno.

Sono persone che si lasciano andare alla bonaccia di un'esistenza statica, accentando di stare fermi in un luogo qualsiasi, che piaccia o meno, perché non hanno la forza per raggiungerne altri.

 

Questo è quello che farò assieme a chi vorrà seguirmi in un nuovo affascinante percorso che si chiama proprio Forza Vitale.

 

Ma quello che troppe persone non sanno è che la forza vitale si può recuperare. Si può imparare a riaccendere quella fiamma che è pronta a ripartire in tutti noi se nutrita con gli ingredienti giusti. Dobbiamo capire che possiamo riossigenare la nostra vita interiore, ripulirla dalla polvere, ridare forza a quel vento che oltre a spingerci avanti ci fa sentire vivi.

Ma da dove partire? I 4 Fondamenti di una Vita Sana sono un ottimo punto di partenza. Riorganizzare la propria vita attorno alla gestione della salute può produrre miglioramenti inaspettati anche in altri settori. Occorre, però, andare più in profondità e immergersi all'interno della nostra psiche.

Questo è quello che farò assieme a chi vorrà seguirmi in un nuovo affascinante percorso che si chiama proprio Forza Vitale e che sarà disponibile a breve online. Entreremo nello specifico del concetto di adattamento, prestazione, di regolazione dei comportamenti, di recupero dalla fatica per arrivare, in modo scientifico, a una più completa e profonda padronanza di sé, elemento essenziale per mantenere in vita la consapevolezza e la forza vitale che tanto desideriamo.

Se desideri sapere quando questo percorso sarà pronto inserisci i tuoi dati qui sotto e entra nella lista d’attesa: [optinMonster_integration]

 

[/optinMonster_integration]

 

In attesa che il corso sia disponibile voglio però darti qualche suggerimento iniziale.

Sconfiggi la stanchezza

A volte la forza vitale scompare semplicemente per un accumulo di stanchezza che toglie energia e motivazione. Molto spesso questa stanchezza nasce da una cronica sottovalutazione dell'importanza del sonno. Prova ad aggiungere 30 minuti di sonno in più andando a letto prima ogni sera per una settimana e ti accorgerai subito della differenza.

Chiediti che vita ti piacerebbe fare

Di primo acchito le risposte saranno superficiali e scontate. Avere soldi a palate, non lavorare, godersi la vita su uno yacht da qualche parte nel mondo. Ma riflettici un attimo ancora. Sei proprio sicuro che questa sia la vita dei tuoi sogni? Sei sicuro che chi vive così sia davvero felice? In realtà, la ricerca indica che per la maggior parte delle persone quello che conta davvero per essere felici è sentirsi utili e per questo importanti. Se tieni presente questo, forse la tua vita inizierà a illuminarsi perché sicuramente sei utile per molti di quelli che ti stanno attorno e, se lo vorrai, non sarà difficile renderti ancora più utile in futuro per tanti altri.

Ricordati dell'importanza dei piccoli passi

Tendiamo spesso a voler raggiungere l'obiettivo finale perdendo di vista la strada che dobbiamo percorrere e i mille passi che la compongono. Sognare orizzonti lontani e cambiamenti radicali è una trappola perché il tempo passa mentre tu rimani fermo a fantasticare, illudendoti che un giorno tutto cambierà improvvisamente. La felicità non è uno stato che si raggiunge ma un'abitudine che si costruisce giorno per giorno. Allora abituati a guardare la singola giornata, a ricercare armonia, bellezza e perfezione in ogni singolo gesto, anche il più banale. Non pensare a sfoderare il meglio di te solo quando ne varrà veramente la pena perché rischi che quel giorno non arrivi mai.

 

La felicità non è uno stato che si raggiunge ma un'abitudine che si costruisce giorno per giorno.

Da tempo parlo del valore di vivere la vita a pieno, intendendo con questo il raggiungimento di un più alto grado di padronanza di se stessi. Questa è la strada da seguire per riscoprire quella forza vitale di cui non possiamo fare a meno se vogliamo essere non solo vivi ma felici.

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Twitter

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK