Rivoluzionare la propria vita a partire da oggi

Editoriale maggio 2016

È arrivata la conferma ufficiale: in Italia nessuno fa più la dieta mediterranea. Australia, India, Norvegia e Nuova Zelanda mangiano più “mediterraneo” di noi.

Lo sostiene uno studio internazionale che ha coinvolto oltre 15.000 soggetti in 39 paesi pubblicato in questi giorni sulla rivista European Heart Journal.

Forse possiamo insegnare a molti la buona cucina ma in fatto di alimentazione sana non abbiamo nulla da insegnare a nessuno. Purtroppo. Prendiamone coscienza e smettiamola di parlare a vanvera di dieta mediterranea come se fosse la nostra carta d’identità alimentare.

Per altro, numerose ricerche hanno dimostrato che non esiste un modello univoco di alimentazione sana e che le variabili che pesano maggiormente in positivo sono il consumo di verdura e fibra, l’uso di cereali integrali, il consumo di pesce e alimenti ricchi di omega 3, l’uso di grassi sani inclusi in piccole dosi anche quelli saturi.

Vista l’aderenza degli italiani a una dieta ricca di zuccheri e cereali raffinati e la loro tendenza alla sedentarietà, non stupiscono i risultati del nuovo rapporto Osservasalute, frutto del lavoro di oltre 180 ricercatori. Quello che emerge è un ritratto di un paese sempre più vecchio (oltre 1 italiano su 5 ha più di 65 anni) con addirittura un boom di ultracentenari, triplicati dai 5.650 del 2002 ai 19.000 del 2015. 

Vivere a lungo non significa vivere bene, anzi.

 

E comunque per la prima volta si registra una frenata nell’aumento dell’aspettativa di vita che rappresenta una pericolosa inversione di tendenza.

Sempre dal rapporto emerge che siamo uno dei paesi al mondo che investe meno in prevenzione, sia per quel che riguarda l’educazione alla salute e a un corretto stile di vita che per gli screening di diagnosi precoce. Questo si ripercuote su molte malattie tra cui i tumori di cui si osserva un’aumentata incidenza, in particolare per le forme che si possono prevenire. Siamo sempre più colpiti da diseguaglianze tra nord e sud in termini di servizi offerti e qualità delle cure. Continuano a crescere sovrappeso e obesità con ben il 46,2% della popolazione che non riesce a mantenere il peso forma. E, nonostante tutta l’informazione a riguardo, si mangia meno frutta e verdura di qualche anno fa. Per fortuna aumenta leggermente la percentuale di italiani che svolge una qualche forma di attività fisica come una passeggiata.

Nel complesso non sono dati positivi. Rappresentano da un lato gli effetti nefasti di investimenti pubblici sempre più striminziti e concentrati sulla gestione del malato acuto e dall’altro una mancanza di una cultura della salute che elevi la consapevolezza e aiuti la persona nel corso della sua intera vita ad adottare abitudini protettive.

Allora invece di continuare a raccontarcela, a illuderci che in Italia si vive benissimo, che la nostra dieta sia la migliore del mondo e che possiamo essere di esempio per tutti, rimbocchiamoci le maniche perché c’è molto lavoro da fare. Anzi c’è una vera e propria rivoluzione da portare a termine. Una rivoluzione finalizzata a creare il mondo di domani, più pulito, più sano, più sereno e più umano. Una rivoluzione non di gruppo e tantomeno di credo politico ma individuale che parte proprio dall’assumersi la responsabilità della propria salute e della propria vita, dall’essere di esempio per gli altri, dal voler dare un contributo positivo nel corso della propria esistenza. Cambiare comportamento giorno dopo giorno è l’unica via d’uscita perché come disse Gandhi “il futuro dipende da ciò che facciamo nel presente”.

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Twitter

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.