Iscriviti al canale YouTube per seguire i video

 

Come superare le contraddizioni del cambiamento?

Molti sostengono che il desiderio di cambiare in meglio, ossia di crescere, sia uno dei bisogni più profondi di ogni essere umano.

Eppure questo non è sempre visibile, per certe persone sembra proprio il contrario…

Perché per molti di noi è così complicato cambiare e continuare a crescere come persone?

Qual è il processo per riuscire ad installare nuove abitudini potenzianti senza sbagliare così tante volte o arrendersi ancora prima di cominciare?

Nel video di oggi ti parlo proprio di questo!

Forse ti è capitato di voler compiere nuove azioni o adottare comportamenti differenti ma di sentire allo stesso tempo il freno potente dell’altra parte di te, quella più timorosa.

Questa indecisione di base e l’influenza delle persone che frequenti per la maggior parte del tempo sono le due principali cause dei tuoi conflitti interni: da un lato vorresti agire ma dall’altro i freni ti portano a procrastinare.

Stare fermi apparentemente non costa nulla. Molte volte però il panorama che puoi trovare al di là della montagna che hai paura di scalare è molto più bello di quello della vallata in cui ti trovi.

Se desideri anche tu, vivere la tua vita a pieno sai che il cambiamento e la crescita sono elementi chiave per riuscirci.

Scopri quindi i 4 passi necessari nel video di oggi, buona visione!

 

Trascrizione del video

Il cambiamento è un qualcosa che affascina tutti: tutti noi abbiamo dei lati di noi stessi che vorremmo migliorare, che vorremmo cambiare. Tutti noi abbiamo degli aspetti della nostra vita che ci vanno meno bene di altri e sui quali vorremmo intervenire per migliorarli.

Però allo stesso tempo il cambiamento è anche qualcosa che spaventa quasi tutti perché lasci un qualcosa che conosci (che ti piaccia o no lo conosci ed è una tua realtà attuale) per andare verso un qualche cosa che in realtà non conosci bene. Tante volte è un qualche cosa che non esiste nemmeno, che devi tu creare.

Dunque il cambiamento è qualcosa di indubbiamente difficile.

Ecco, una cosa che è importante capire per una persona che deve cambiare è che stai effettivamente gestendo una squadra, perché in realtà il cambiamento tocca tutte le dimensioni di te stesso: tocca le cellule, quindi la parte veramente organica, tocca i pensieri, tocca le emozioni, tocca le sensazioni. Tocca tutti gli elementi della tua persona a 360° perché se cambi, cambi in toto.

Ma questi elementi non sempre reagiscono allo stesso modo al cambiamento, hanno la stessa velocità, hanno lo stesso impatto, le stesse risposte al cambiamento e quindi si creano delle velocità di esecuzione differenti, delle frizioni, delle contraddizioni che in genere vengono percepite come gli ostacoli al cambiamento, come effettivamente i freni al cambiamento.

Allora concentrarsi sull’idea che sei come un allenatore che gestisce una squadra è una metafora interessante: una squadra interiore che cerca l’allenatore di armonizzare, perché la squadra funziona veramente bene non semplicemente quando un giocatore da il massimo, ma quando c’è quello che non a caso si chiama lavoro di squadra.

Nella formazione di una squadra ci sono delle tappe ormai ben conosciute e che sono state identificate da alcuni ricercatori ormai anni fa e che credo sia importante tenere in considerazione anche quando semplicemente parliamo della gestione della nostra squadra interiore, e ti spiegherò tra un attimo perché.

Le tappe sono in inglese:

– forming
– storming
– norming
– performing

1. Formare la squadra vuol sostanzialmente riconoscere che dobbiamo dare luogo ad una squadra e se stiamo parlando di team building in senso classico è abbastanza evidente la fase di formazione della squadra, se stiamo parlando della gestione di una squadra interiore è molto molto meno chiaro quindi la fase di formazione diventa la fase di riconoscimento che effettivamente siamo una squadra di elementi che devono essere armonizzati per affrontare il cambiamento nel modo migliore.

2. Ma come nelle vere squadre, anche in questa squadra interiore non appena l’hai formata iniziano i conflitti. Iniziano i conflitti perché si deve superare una fase in cui non si sa ancora bene chi comanda, chi è il capitano di questa squadra, chi è il leader, chi fa questo, chi fa quest’altro e dunque nella parte della squadra interiore i conflitti tra la parte razionale, tra la parte più impulsiva, tra i vari strati diciamo della nostra personalità che crea una sorta di attrito, di conflitto interiore, di confusione, di sensazione di “vorrei cambiare ma non ci riesco, non sta avvenendo in maniera così fluida come effettivamente mi aspettavo che fosse”. Ma è una fase normale, anzi vorrei dirti è una fase essenziale. Se non passi attraverso la fase di storming, che tradotto letteralmente vuol dire una frase di tempesta, vuol dire forse che non stai veramente cambiando. La fase di storming è la fase che definisce veramente il cambiamento, perché il cambiamento passa sempre attraverso un qualche grado di conflitto. Non deve essere un conflitto che distrugge tutto ma deve essere un conflitto che è in sostanza la manifestazione concreta del fatto che eri lì e stai andando qua, e questa cosa crea scompiglio.

3. Poi si passa ad una fase che è quella di norming in cui dal conflitto nascono le regole condivise, nascono le corrette definizioni dei ruoli dove tutti si sentono di partecipare allo sforzo della squadra ma con dei compiti chiari, chiari a tutti, come una squadra di calcio. È chiaro al difensore che deve difendere, al portiere che deve stare in porta, all’attaccante che deve cercare di segnare.

4. Solo passate attraverso queste si può entrare nella fase del performing, cioè di dare effettivamente il meglio di sé.

Ora questo schemino, ripeto sviluppato da chi ha fatto ricerca sui meccanismi di funzionamento delle squadre, si applica benissimo anche al cambiamento personale e alla gestione della squadra interiore. Il cambiamento è una cosa complessa ed è una cosa che esiste solo nella misura in cui mette in discussione il tuo status quo, crea uno scompiglio e passa a una fase differente.

Il mio amico Robin Sharma dice che il cambiamento è difficile all’inizio, incasinato a metà e fantastico alla fine e credo che questa frase sia molto esemplificativa. Aspettarsi che un cambiamento non crei uno stato di confusione è un’illusione. Dunque se ti trovi a dover affrontare un cambiamento, se ti trovi nel mezzo dello stato di confusione non temere, è normale che sia così.

Accetta questa confusione come parte del percorso, non viverla come se avessi tu qualcosa di anomalo. Non c’è nessuno nella storia del mondo che sia riuscito a cambiare veramente senza passare una fase di confusione.

Stai tranquillo e sappi anche che se cerchi di evitarla in buona sostanza eviterai il cambiamento, se ci passi attraverso sicuramente emergerà la fase delle regole condivise e della miglior prestazione possibile, molto meglio di quella che ti puoi anche solo immaginare restando nel tuo stato attuale.

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Linkedin

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

banner orizzontale soul warriors