Iscriviti al canale YouTube per seguire i video

 

Come riattivare il metabolismo

Quando ho iniziato a parlare pubblicamente di questi argomenti le persone stentavano a credermi perché il credo comune e molti esperti sostenevano esattamente il contrario di ciò che dicevo.

Devo dire che ancora oggi non molto è cambiato: la prima reazione delle persone è sempre di sorpresa.

Correre, andare in bici o camminare sono visti dalla maggior parte delle persone come metodi perfetti per dimagrire e ottenere una forma fisica ideale.

Purtroppo non è così, anche se è già un passo in avanti rispetto a chi crede di fare sport solo perché fa le scale un paio di volte al giorno o va a piedi al lavoro!

I consigli più comuni per sbloccare il metabolismo e perdere peso sono sempre gli stessi: “mangia meno e muoviti di più. Cammina, corri o vai in bici”.

Non è forse così?

Il metabolismo è qualcosa di molto più complicato di come te l’hanno descritto.

Nel video di oggi capirai come riattivarlo grazie all’allenamento corretto e al giusto rapporto tra i macronutrienti nella tua alimentazione.

Scoprirai perché è importante che inizi a dedicarci la giusta attenzione.

Sono sicuro che questo video ti farà cambiare completamente visione sul concetto di “dimagrire” e sulla gestione dei tuoi allenamenti.

I dati scientifici dimostrano che l’attività fisica determina al massimo un 20-30% del consumo calorico nelle 24 ore.

La soluzione evidentemente non è quella che tutti continuano a ripetere.

Guarda il video per scoprire perché e come riattivare davvero il tuo metabolismo.

Buona visione!

 

Trascrizione del video

Riattivare il metabolismo, sogno di tutti.

Quante volte abbiamo sentito la frase "ho il metabolismo bloccato”,  "voglio riattivare il metabolismo”?.  Se vai in edicola trovi decine di riviste di salute, di benessere e di nutrizione e in quasi ogni puntata, in ogni numero, trovi un servizio su come riattivare il metabolismo e ogni volta c'è una teoria in più, un integratore speciale, una sostanza miracolosa, l'alimento che attiva il metabolismo.

In realtà molto spesso queste teorie ti portano un po' fuori strada; allora cerchiamo di capire bene che cosa vuol dire veramente riattivare il metabolismo.

Intanto, che cos'è il metabolismo? Il metabolismo è quell'insieme di reazioni biochimiche che caratterizza la funzionalità del corpo e che porta in sostanza a due condizioni prevalenti:

- una condizione catabolica, che è una condizione in cui i tessuti attivi dell’organismo vengono in sostanza distrutti, e questa è la condizione naturale dell’invecchiamento
- una condizione anabolica, in cui i tessuti attivi dell'organismo vengono invece costruiti e questa è la condizione tipica della prima fase della vita, che è la fase della crescita.

C’è un delicato equilibrio tra queste due fasi che coesistono per tutta la nostra esistenza, ma ovviamente a intensità e a velocità differenti. Quindi questo per farti capire che il metabolismo non corrisponde come invece viene visto nel pensiero comune a "bruciare calorie" punto e basta. Corrisponde in realtà a una serie di reazioni complesse che portano a due risultati: "costruire il tessuto" e "distruggere il tessuto" e in questo contesto logicamente c'è anche il consumo di calorie e, l'altro versante,  l’ accumulo di tessuto adiposo, che è un tessuto chiamiamolo inattivo ecco perché ho detto distruzione e creazione di tessuti attivi e mi riferisco in particolare al tessuto muscolare e questo è un primo punto.

Il secondo punto è: da cosa dipende la spesa energetica di una persona? Cioè la quantità di calorie che effettivamente consumi da che cosa dipende? Perché poi questo chiaramente condiziona il fatto che tu accumuli tessuto adiposo, oppure non ne accumuli.

Allora la spesa energetica di una persona é data:

- per il 55-60 % dal metabolismo basale, cioè da quello che tu consumi semplicemente per stare vivo, fermo e a riposo. Cioè in sostanza il consumo dato dalla cilindrata della tua macchina, il consumo di base.
- per una percentuale che è attorno al 20-30% dall'attività fisica, quindi dal consumo attivo di calorie che crei muovendoti e utilizzando il tuo corpo.
- per 10-15% dall' effetto termogenico degli alimenti, cioè da quante calorie devi consumare per metabolizzare gli alimenti che assumi.

QuestI sono i fattori che determinano il consumo energetico.

Se all'interno del consumo energetico c'è una fetta così importante che dipende dal metabolismo basale, in realtà dovremmo occuparci prevalentemente di quello. Non ha tantissimo senso puntare tutta la regolazione del peso su quello che percentualmente effettivamente ha un impatto più basso, per esempio attività fisica.
Io punto tutto sull'attività fisica, ma l'attività fisica in quanto tale non può che comportare un consumo di una spesa energetica che sta attorno al 20-30% del totale. Non voglio certo consigliarti di non fare attività fisica, ma forse non è il modo più efficiente.

Il modo più efficiente, in realtà, è aumentare il metabolismo basale e questo potrebbe essere la spiegazione più tecnica scientifica di cosa vuol dire riattivare il metabolismo. Cioè, quelle persone che suppongono di avere un metabolismo spento e lento, in realtà (salvo che non abbiano delle problematiche endocrine specifiche) soffrono di una cosa che è un rallentamento del metabolismo basale, dovuto principalmente a una perdita di massa muscolare.

Ecco perché così spesso parlo di massa muscolare, non perché sia ossessionato dalla forma fisica, ma perché in realtà è un punto centrale spesso trascurato della salute metabolica di una persona. Perché il metabolismo basale, cioè la cilindrata del tuo motore, dipende esclusivamente dai tuoi muscoli.

Più muscoli hai, più la cilindrata è grande, più il tuo motore consumerà, più calorie brucerai semplicemente stando a riposo. Meno muscoli hai, meno calorie brucerai, più fatica farai a mantenere una quantità di grasso corretta, salvo che tu non vada a ridurre drasticamente l’introito, cosa che peraltro comporta un rischio ulteriore di perdere massa muscolare e quindi una sorta di circolo vizioso.

Quindi riattivare il metabolismo significa in realtà puntare nel tempo sul mantenimento o la ricostruzione di una massa muscolare adeguata che aumenta la cilindrata del tuo motore.

C'è anche un altro vantaggio;  il metabolismo basale, quindi ciò che consumi a riposo, riguarda prevalentemente proprio i grassi, che sono il combustibile d’elezione quando siamo a riposo, non quando facciamo attività fisica, momento in cui corpo (salvo che non sia un attività fisica intensità molto bassa) tende nettamente all'utilizzo di zuccheri.

Allora capirai che le solite indicazioni classiche del muoversi di più, ridurre l'introito calorico ma magari penalizzando le proteine a favore di carboidrati, non è proprio la cosa più indicata.

In realtà quello che dovremmo fare è specificare che muoversi di più è importante, ma non ha un impatto percentualmente elevato sulla spesa energetica di una persona. Se in questo muovermi di più inserisco anche un'attività di tipo muscolare, questa mi permetterà di aumentare il metabolismo basale e questo sì avrà un impatto importante sulla regolazione del peso corporeo e della percentuale di grasso. Se per di più non penalizzo troppo le proteine potrò beneficiare dell'effetto termogenico di questo macronutriente che ancora una volta percentualmente non ha un impatto enorme, ma comunque si fa sentire anche quello.

Quindi, riattivare metabolismo, tradotto in termini scientifici, significa aumentare il metabolismo basale. Per aumentare il metabolismo basale il consiglio che io ti do è: non puntare soltanto al consumo e quindi all'attività aerobica di lunga durata, ma inserisci due tre volte alla settimana anche un allenamento in palestra finalizzato a creare una muscolatura più potente e questo avrà degli enormi benefici sulla regolazione del metabolismo.

In ultima analisi non scordarti che la componente proteica di proteine sane dosate giuste è molto importante perché se ti alleni ma non introduci proteine è difficile che il muscolo possa effettivamente ricostruirsi.

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Linkedin

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

STRESS TEST GRATUITO

 

stress test gratuito

Scopri qual è il tuo
livello di stress e
quali soluzioni adottare!