Iscriviti al canale YouTube per seguire i video

 

Come migliorare il tuo carattere

 

 

È possibile migliorare il tuo carattere? E come?

Più facile a dirsi che a farsi.

Quante volte infatti proviamo a cambiare qualcosa di noi ma finiamo con il dire “Eh ma non posso farci niente, è il mio carattere”.

Eppure esistono delle leve per riuscire a cambiare anche quelle parti di noi che sono apparentemente più ostiche da migliorare perché più profondamente radicate.

Ma il problema è che se non provi a farlo oggi, avrai sempre meno probabilità di riuscirci domani.

Le abitudini che abbiamo formano il nostro carattere, il carattere a sua volta sostiene le abitudini che lo hanno creato.

Questo forma un circolo vizioso che non fa altro che alimentare le nostre credenze e per questo influenzare i nostri comportamenti.

Questo accade anche quando sappiamo perfettamente che ciò che ci raccontiamo o che siamo abituati a fare non è la scelta migliore per noi e per gli altri.

Scopri nel video di oggi i passi necessari per riuscire a migliorare il tuo carattere e gli aspetti di te che ritieni non modificabili.

Ti auguro buona visione!

 

Trascrizione del video

Oggi ti voglio parlare di tre possibili passi per trasformare, cambiare, migliorare il tuo carattere.

Sembra una cosa un po' assurda quella che ho appena detto perché la maggior parte di noi ritiene che il carattere sia qualcosa di estremamente stabile, addirittura lo utilizziamo per definirci. Quante volte capita di dire: sono timido, sono pigro, oppure sono aggressivo e di dare a queste terminologie un aspetto un po' stabile come se non fossero possibili delle espressioni diverse di te stesso.
Però in realtà tutti passiamo attraverso situazioni di questo tipo e genere. Non c'è nessuno che non sia mai stato timido, che non sia mai stato pigro, che non sia mai stato aggressivo quindi in realtà quello che noi definiamo carattere è semplicemente una manifestazione prevalente, più frequente di una gamma di manifestazioni possibili che ognuno di noi ha. Quindi la persona pigra semplicemente più spesso dice "non c'ho mica tanta voglia di fare attività fisica”, ma non significa affatto che la persona che fa attività fisica regolarmente non abbia dei giorni in cui dice "oggi non ho nessuna voglia”.

Quindi il primo punto su cui ragionare prima di parlare dei diversi passi è quello di ricordarsi che di stabile c'è veramente molto poco nella fisiologia e quindi anche nei comportamenti umani. Anzi possiamo semplicemente dire che noi attribuiamo al carattere una capacità di essere stabile nel tempo, ma questo meccanismo in realtà è mantenuto da una sorta di circolo vizioso, perché se cerchiamo di capire che il carattere è un po' frutto delle abitudini che adottiamo e se teniamo presente che autodefinirsi con un certo carattere è come dare una previsione sul futuro comportamento che avrai, e quindi sulla futura abitudine che adotterai, capisci che è un po' un circolo vizioso? Ecco che il cambiamento appare impossibile. Perchè una serie di abitudini vengono definite carattere, una volta che hai definito il tuo carattere in un modo questa definizione farà sì che tu continui a prevedere quella tipologia di abitudine e ti sei incastrato in una sorta di trappola.

Allora questo circolo vizioso va interrotto.

Il primo passo per interromperlo è non ascoltare la previsione che ti viene fuori dal tuo auto dialogo e cerca di ricordarti la frase che è "tutti sono così, a volte”. Quindi un modo pratico per contrastare questa vocina interna che continua a dirti: guarda che sei pigro, guarda che sei pigro, guarda che sei timido…” è di dirti "tutti sono stati così, a volte”.
Questo meccanismo comincia a rompere un po' il peso di quella previsione, ed è la previsione di finire sempre con l'essere uguale a te stesso che ti porta ad essere uguale a te stesso. Giusto?

Pratica deliberatamente una nuova abitudine, anche in situazioni in cui il contesto ambientale non prevede che tu debba praticare quella abitudine. Ti definisci timido? Allora primo punto: non ascoltare la previsione e non accettare di dirti: sarò sempre timido o avrò sempre paura di parlare in pubblico, o non avrò coraggio di andare a iniziare il discorso con qualcuno. Ripetiti che tutti sono timidi ogni tanto, non c'è niente di strano. Poi trova un contesto per praticare deliberatatamente quella funzione che tu ritieni essere poco espressa in te. Sei timido? Trova tutte le occasioni possibili per parlare in pubblico, sforzati di farlo, diventa un allenamento e diventa una pratica deliberata di una nuova abitudine.

Cosa significa questo? Significa che una volta che tu avrai in un certo senso percepito che sei in grado di esprimere una nuova abitudine, quel meccanismo della previsione si interromperà perché automaticamente si rafforza la credenza che, come tutti, sì a volte sei timido, ma altre volte no.

L'esporti alla nuova abitudine deliberatamente aumenterà le conferme che anche tu hai questa possibilità, che anche tu sai comportarti in maniera diversa e queste conferme ovviamente dentro la tua testa cominceranno a creare un contrappeso rispetto alla vecchia voce che ti dice: no tu sei timido, no tu sei pigro.
Quando queste conferme avranno acquisito un peso sufficiente la vecchia voce in qualche modo sparisce, perché tu ti sei esposto sufficientemente a questo nuovo stimolo, hai avuto dalla risposta a questo stimolo la conferma che sei capace e, in un certo senso, a forza di fare, a forza di mettere in atto questo meccanismo, ecco che la nuova abitudine si stabilizzerà.

Ci sono anche delle ricerche abbastanza recenti che hanno cercato di quantificare in termini di tempo quanto ci vuole perché questo meccanismo si installi. Uno potrebbe pensare che ci vogliano anni, proprio perché spesso noi siamo stati anni in questo circolo vizioso di autoconferma di qualche deficit del nostro carattere. In realtà non è così. Le ricerche indicano che in media ci vogliono un paio di mesi, i ricercatori in questo studio a cui mi riferisco parlano di 66 giorni, ma diciamo un paio di mesi di tempo di esposizione deliberata a una nuova abitudine e questo meccanismo comincia a cambiare e si forma una abitudine diversa da quella che tu avevi in precedenza che piano piano trasformerà in un certo senso anche la definizione del carattere che tu ti stai dando o che gli altri magari ti hanno dato.

Quindi credo che sia un discorso molto interessante perché venendo io personalmente da una formazione medica più fisiologica ed essendo stato da sempre molto interessato alla capacità di adattamento del corpo trovo che sia affascinante quanto in realtà l'adattamento del comportamento, l'adattamento psicologico, segua fondamentalmente le stesse strategie e le stesse vie. Non esiste un corpo che non è capace di esprimere determinate capacità, determinate qualità. È semplicemente questione di allenamento, e qui è la stessa cosa.

Se tu ti sei sempre definito timido avrai sistematicamente evitato di esporti a quegli stimoli che potevano allenarti a non essere timido.

Se avrai la forza di vincere questa difficoltà iniziale e inizierai ad esporti a situazioni che ti mettono a confronto con la tua timidezza, tirerai fuori quelle caratteristiche personali che tutti hanno, e tu anche hai, che ti permettono di lavorare sulla timidezza, superarla e vincerla e da questo superamento, da questa vittoria, avrai la conferma che cercavi e avrai la possibilità di letteralmente trasformare il tuo carattere perché non avrai più dentro la tua testa questa definizione di timido, di pigro o di quello che è.

Quindi non dare per scontato che il carattere sia una cosa stabile che non è trasformabile. Tutto dentro di noi è trasformabile, tutto è migliorabile. La cosa importante è seguire un percorso che in un certo senso simula molto il percorso di allenamento fisico che parte dall'esposizione sistematica a uno stimolo, che è l'agente che permette la trasformazione.

 

 

 

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Linkedin

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

STRESS TEST GRATUITO

 

stress test gratuito

Scopri qual è il tuo
livello di stress e
quali soluzioni adottare!