Iscriviti al canale YouTube per seguire i video

 

Come gestire la rabbia: 3 importanti consigli

Ti è mai capitato di arrabbiarti così tanto da perdere il controllo sulle tue emozioni, parole e azioni?

Chiunque ha provato rabbia almeno una volta nella vita. È normale.

Il problema invece è che per molte persone questo stato emotivo è quello predominante, anche se non se ne accorgono.

Questo sentimento porta con sé numerose conseguenze negative come stress, ansia, scompensi alimentari e patologie fisiche.

Molte volte infatti la rabbia non si manifesta verso l’esterno, ma viene accumulata internamente.

Questo, come puoi immaginare, è estremamente dannoso per la tua salute.

Nel video di oggi scoprirai cos’è la rabbia e come controllarla grazie a 3 importanti consigli.

Ogni cambiamento parte da te e dalla tua capacità di interpretare e maneggiare gli avvenimenti che ti accadono.

Anche nel caso della rabbia quindi è fondamentale capire quali sono le azioni da intraprendere per gestirla ed essere così la migliore versione di te in ogni circostanza.

Buona visione!

 

Trascrizione del video

Oggi ti voglio parlare di un fenomeno che tutti viviamo di tanto in tanto che è la rabbia. Non è necessariamente un bello stato emotivo, però credo che non ci sia una persona sulla faccia della terra che non abbia vissuto in qualche momento uno stato di rabbia.

A volte si ha ragione, a volte si ha torto. Non è tanto importante in questa discussione capire qual è la ragione per cui scaturisce la rabbia, ma stiamo sul fenomeno in quanto tale.

La rabbia diciamo che o si sfoga o ti fa affogare; sono due stati diciamo opposti, ma sono gli unici due che la rabbia effettivamente permette. Perché la rabbia o esplode verso l’esterno, e dunque tende a danneggiare gli altri, o implode verso l’interno e tende a danneggiare te.

Quindi la rabbia va disinnescata, in un certo senso, prima che parta, perché nel momento in cui è partita è abbastanza difficile che sortisca un effetto diverso da quello che ho descritto.

Se la rabbia caratterizza “qualche" momento della vita non è un grande problema, ma se diventa uno stato emotivo prevalente allora diventa sì un problema, in particolar modo perché lo stato emotivo prevalente porterà in una organizzazione sociale come quella moderna quasi sempre ad un’implosione della rabbia, perché l'esplosione della rabbia verrà in un certo senso punita piuttosto presto nella vita di una persona.

Quindi l'implosione della rabbia susciterà tutta una serie di danni interni che da un certo punto di vista sono i danni poi legati allo stress e anche alla possibilità di creare delle vere e proprie patologie fisiche legate a questa sensazione prevalente.

La rabbia poi toglie bellezza alla vita, perché ti fa stare in una situazione di perenne guardia. È come se tu dovessi sempre essere attaccato da qualcosa o da qualcuno e dunque sei sempre pronto ad attaccare tu qualcosa e qualcuno, e la rabbia è anche una di quelle manifestazioni che lavora molto bene e molto profondamente sulla velocità della risposta, cioè la rabbia è proprio come una perdita di controllo che funziona molto bene perché ti arriva all'improvviso e non te ne rendi veramente conto.

Allora ci sono tre aspetti che vorrei sottolineare oggi che possono aiutarti a riguadagnare un certo grado di controllo e abbassare il livello di rabbia:

1. Il primo aspetto è proprio quello di interrompere il flusso di ciò che sta accadendo e un modo per farlo che è molto fisiologico, molto conosciuto, e che è anche poi il modo che si utilizza in tante delle tecniche di rilassamento, è partire dal respiro

Cioè riguadagnare controllo sul proprio respiro, in particolare rallentando la sua frequenza e utilizzando il respiro diaframmatico addominale. E' un modo da un punto di vista neurofisiologico per rallentare o ridurre la stimolazione del sistema nervoso simpatico, potenziare l'azione del parasimpatico attraverso la stimolazione del nervo vago e cambiare, o perlomeno contribuire a cambiare un po’, il tuo stato d’animo e la velocità di flusso di questa informazione che sta arrivando al tuo sistema nervoso centrale, o che si sta elaborando nel tuo sistema nervoso centrale, che è quell'informazione legata all'attacco, alla guerra, alla fuga, alla reazione fisica se vogliamo.

2. Il secondo aspetto è farti una domanda molto importante che è "sto dando il meglio di me?

Se riesci a far diventare questa domanda una sorta di meccanismo automatico che ogni volta che ti senti a disagio, che senti questa rabbia arrivare, scatta automaticamente la domanda, e per arrivare a questo punto il suggerimento che ti do, almeno nelle occasioni in cui ti è possibile, è scrivila. Scriviti la domanda "sto dando il meglio di me?” ed elabora qualche concetto relativo al tuo stato di rabbia in quel momento. Non sarà sempre possibile farlo ovviamente (se sei per strada o se sei fuori), ma tutte le volte che ti è possibile fare questo, dopo aver respirato e rallentato il flusso, siediti un secondo, prendi il tuo quaderno e rispondi a questa domanda "sto dando il meglio di me?” elaborando il concetto di rabbia in modo tale da rendere più distaccata e più obiettiva la tua riflessione.

Se ti fai la domanda onestamente è quasi impossibile che in uno stato di rabbia tu possa rispondere sì, perché, riflettici un attimo, la rabbia alla fine non piace a nessuno, nemmeno a chi la vive. È un meccanismo quasi automatico di difesa, di protezione, ma nel momento in cui ti senti in quella condizione sei tu il primo a capire che non è la condizione più adatta per interagire con qualcuno.

3. Il terzo punto che può sempre essere parte di questa riflessione scritta è riprendi il controllo, riprendi la guida cambiando marcia, perché cambiando marcia?

Perché è un po' come se ti concentrassi su un’idea, su un’analogia, su una metafora che se vogliamo è quella della macchina e, dai giri del motore molto alto che sono nello stato di rabbia, cambi marcia e i giri del motore si abbassano, ma sei sempre sulla stessa strada però.

Quindi questa è un'immagine mentale che perlomeno a me aiuta molto a capire che non è che devi cambiare strada, cambiare direzione, tornare indietro e fare inversione a U. No, semplicemente per abbassare i giri del motore basta che metti una marcia più alta. Quindi è sempre possibile fare un cambiamento che è interno, piuttosto che esterno.

È sempre possibile fare una modifica alla propria funzionalità che ti permette di stare su quella strada, ma di abbassare anche il rischio di andare fuori strada, perché perdi il controllo del volante, perché i giri del motore sono troppo alti.

Allora la rabbia è un fenomeno fisiologico, quello che non è fisiologico è quando la rabbia diventa cronica e quando soprattutto finisce con l'implodere verso l'interno di te perché in realtà non c'è un meccanismo di sfogo.

Ricordati sempre che la rabbia è lo stato emotivo connesso con il combattimento fisico e che serviva ai nostri antenati ad avere il massimo della reattività dell'organismo per salvarsi la pelle.
Nella stragrande maggioranza delle interazioni di oggi questo non serve assolutamente a nulla e rende l'interazione non solo meno efficace, ma anche molto meno appagante.

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Linkedin

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

banner orizzontale soul warriors