Come dire di no allo zucchero

Come dire no allo zucchero

 Lo zucchero fa male, molto più male di quello che la maggior parte delle persone pensa. Anche se oggi se ne parla spesso, l'attenzione che diamo a questo alimento è molto minore di quella data ad altre categorie alimentari come i grassi e le proteine che, rispetto agli zuccheri, non solo sono meno nocivi ma addirittura indispensabili nelle giuste dosi.

tutti gli zuccheri sono potenzialmente dannosiIl motivo di questa disattenzione è molto semplice: il dolce piace più o meno a tutti, contribuisce a rendere meno amara la vita e assumerlo non ci fa sentire cattivi nei confronti del mondo e degli animali. L'amico perfetto, ma solo in apparenza purtroppo. Infatti questi fattori che ce lo fanno sembrare simpatico e innocuo non rendono meno seri i danni che ci causa l'eccessiva assunzione di zuccheri vari e di cereali raffinati. Questi alimenti infatti:

  1. Innalzano la glicemia
  2. Costringono il pancreas a produrre enormi quantità di insulina
  3. Nel tempo contribuiscono all'insulino-resistenza (un circolo vizioso per cui l'insulina in eccesso funziona male e quindi ne viene prodotta sempre di più fino ad arrivare al diabete)
  4. Aumentano il rischio di sovrappeso, obesità, diabete e malattie tra cui infarto, cancro e perfino Alzheimer
  5. Sono responsabili di un processo detto glicazione che accelera l'invecchiamento deteriorando la struttura delle proteine corporee

Ma i cibi zuccherini hanno un'azione che va molto oltre quella puramente metabolica. Favorendo il rilascio di grandi quantità di dopamina nel cervello, ci appagano e rendono felici ma allo stesso tempo tendono a farci diventare dipendenti e schiavi di un'assunzione continuativa. Sono gli alimenti che più di ogni altro incidono sui nostri comportamenti quotidiani…un po' come fa un burattinaio con il suo burattino.

Le differenze tra i vari tipi di zuccheri sono illusorie: sono tutti potenzialmente dannosi. E altrettanto illusorie purtroppo sono le tante ricette pseudo-salutari che non rinunciano allo zucchero perché non sarebbero buone abbastanza; in genere sono farcite di ingredienti salutari nel tentativo di mascherare quell'unico neo che fa davvero la differenza: i grammi di zucchero appunto.

L'unico modo per proteggersi davvero è esercitare con forza una serie di decisioni concatenate e portarle avanti per un tempo sufficiente, vediamone alcune:

  1. Decidi che le cose dolci diventino delle eccezioni da assaporare con gusto solo nelle occasioni speciali
  2. Decidi che le occasioni speciali non devono essere più di 1 volta alla settimana
  3. Decidi di eliminare l'uso di zucchero quotidiano come quello che metti nel caffè, la brioche, i succhi, le bibite, l'alcol
  4. Decidi che il tuo dolce quotidiano sia dato da un paio di frutti buoni e di stagione assunti magari come snack a metà mattina e pomeriggio
  5. Decidi di abituare i tuoi pensieri a cercare dolcezza in altre cose della vita in particolare nell'affetto degli altri
  6. Decidi di dedicare tempo ad apprendere almeno una tecnica di rilassamento che contribuisca a ridurre lo stress nella tua vita e quindi la ricerca di zucchero. Per esempio sono utili il training autogeno, la meditazione mindfulness e lo yoga
  7. Decidi che tu sei più forte, che non hai bisogno dello zucchero perché hai energia da vendere
PER APPROFONDIRE: I veleni che mangiamo

Come per qualsiasi cambiamento, se superi una soglia temporale di circa due mesi, esso diventerà automatico. In altre parole la fatica che un'azione richiede all'inizio diminuisce nel tempo con l'esposizione perché il corpo e la mente si abituano alla nuova condizione e diventa evidente alla persona che è capace di vivere bene nel nuovo contesto. In genere, arrivati all’automaticità, non adottare il nuovo comportamento costa più fatica sul piano psicologico che adottarlo. Per esempio in chi ha superato lo scoglio, l'idea di mettere lo zucchero nel caffè crea più disturbo rispetto al berlo amaro. Non si tratta di un miracolo, di gusti personali innati, di fortuna o di genetica ma semplicemente di abitudini che ognuno di noi può adottare con la giusta strategia.

il cambiamento per vivere a pieno

Oltre alle decisioni strategiche menzionate sopra, per cambiare serve sempre una realizzazione, detta in termini tecnici “un'esperienza emozionale correttiva”. Si tratta di un momento in cui, in genere di colpo, una persona realizza che la fatica di rimanere com'è supera quella richiesta per cambiare. A volte si tratta di un'esperienza reale, altre semplicemente di un cambiamento di prospettiva che permette di vedere il problema sotto un altro profilo.

Rifletti un attimo: ciò che sacrifichi oggi è davvero tanto rispetto alla salute che avrai domani? Preferisci rimanere in balia delle correnti, debole, dipendente dal cibo o da altri vizi che compensano ciò che ti manca nella vita o rimboccarti le maniche e da vittima diventare leader?

Preferisci immaginarti come una zattera alla deriva o come uno scoglio capace di infrangere le onde e di superare ogni tempesta indenne?

Rispondi con sincerità alle domande e tieni presente che immagini apparentemente lontane sono metafore che ci aiutano a riflettere sulla nostra vita da punti di vista diversi. A volte basta questo per prendere una serie di decisioni fondamentali per costruire la nuova versione di noi stessi.

Rimani forte, vivi a pieno.

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging
Performance coach, giornalista e scrittore

Facebook Instagram Youtube Linkedin

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

banner 5 falsi miti

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu i consigli del Dr. Ongaro e scopri le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.