Dr Filippo Ongaro    Dr Filippo Ongaro    Dr Filippo Ongaro

3 fattori che ti impediscono di raggiungere gli obiettivi (e la soluzione)

Hai mai provato a raggiungere un determinato obiettivo senza riuscirci?

Immagino di sì.

Beh, la prima cosa che ti posso dire è che capita a moltissime persone e che molto spesso dipende da noi.

Ti sei mai chiesto, ad esempio, come mai hai fallito?

Nella mia esperienza come medico ho potuto osservare molti casi differenti e, partendo dal presupposto comune di sapere veramente ciò che vogliamo, esistono almeno 3 fattori ricorrenti che possono portarci al fallimento.

Vuoi sapere quali sono e come superarli?

Scoprilo guardando il video!

Eppure sulla carta non dovrebbe essere così complesso raggiungere qualcosa che vogliamo (soprattutto se abbiamo chiaro in mente di cosa si tratta e di come arrivarci), giusto?

A livello teorico basterebbe quindi focalizzare il traguardo e impegnarsi.

PER APPROFONDIRE: Immaginazione: un potere nascosto per raggiungere i tuoi obiettivi

In realtà però la situazione è molto più complessa.

Possono infatti presentarsi moltissimi fattori a frenarci, in primis la volontà di tenere "segreti" determinati obiettivi.

Di cosa sto parlando?

Scoprilo nel video di questa settimana, buona visione!

 

 

TRASCRIZIONE DEL VIDEO

Oggi voglio parlarti di come raggiungere i tuoi obiettivi. È un tema super noto, quasi inflazionato, però tutto sommato, nonostante se ne parli tantissimo, si continuano ad intercettare una quantità enorme di persone che evidentemente non riescono a raggiungere i loro obiettivi. Persone che si prefiggono delle cose, ma che poi non le ottengono, persone che si fanno delle promesse, ma poi non le mantengono, persone che desiderano cambiare, ma evidentemente non trovano mai la ricetta per sostenere il cambiamento nel tempo.

Perché è così difficile? Quali sono i fattori che incidono veramente su questo tasso così alto di insuccesso?

Perché, voglio dire, sembrerebbe una cosa abbastanza lineare: sai quello che vuoi e fai quello che serve per andare ad ottenerlo.

Ma diciamo, tra queste due situazioni, cioè il sapere quello che si vuole (ammesso che si sappia) e l’ottenerlo, sembra veramente esserci un oceano di difficoltà.

Allora, sulla base dell'esperienza con le persone con cui ho lavorato in questi anni, credo che ci siano almeno 3 fattori che dobbiamo prendere veramente in considerazione subito per capire che cosa ci frena, cioè 3 trappole, freni, tipici ricorrenti che io ho visto presentarsi nella vita di migliaia di persone e distoglierle dal cammino che probabilmente le avrebbe portate al raggiungimento dell’obiettivo.

1. Procrastinare

È un tema adesso anche molto di moda nell'ambito psicologico, è indubbiamente il freno più tipico e più grande. Le persone partono con un sacco di energia, desiderano qualcosa, la pianificano, ma poi in qualche modo questa cosa comincia a slittare via dalla prima fila della loro attenzione mentale. È come se andasse sempre più indietro ed è come se si trovassero invece che strumenti per rafforzare la scelta, scuse e ragioni per posticipare l’azione.
Ecco, questa è indubbiamente la trappola più grande ed è legata ad un fenomeno fondamentalmente oggi molto tipico e molto ricorrente che è quello di avere una sovrabbondanza tale di compiti, idee, potenziali obiettivi, che sembra quasi normale rimandare. Così come è diventato del tutto normale arrivare in ritardo per esempio agli appuntamenti e invece non è normale e guarda caso c'è una correlazione tra chi tende a rimandare e chi tende ad essere in ritardo.

2. La mancanza di chiarezza

Prima ho detto "ammesso che si sappia cosa si vuole ottenere”, perché le persone spesso hanno un enorme confusione su cosa vogliano. Percepiscono che c'è qualcosa che non va, percepiscono che vorrebbero qualcos’altro, ma non fanno mai quel lavoro analitico e a volte anche faticoso che serve però per capire che cosa vuoi veramente, che cosa in quel momento, in quell’istante, ritieni possa fare la differenza per portarti un gradino più in alto nel tuo senso di realizzazione, nel tuo senso di autostima, in quello che tu reputi diciamo una vita più piena e più completa.
Quindi la mancanza di chiarezza è il freno numero 2 perché già siamo confusi su tante cose, già c'è troppo rumore di fondo nella nostra testa, se perdipiù non hai chiaro che cosa vuoi ottenere, beh guarda, poco ma sicuro non riuscirai ad ottenerlo.

3. La paura dell’ignoto

Qualsiasi cambiamento, qualsiasi idea di provare a raggiungere i tuoi obiettivi in un certo senso si scontra con la paura di cosa cambierà e cosa sarà diverso nella tua vita. È il famoso tema di quanto siamo disposti ad uscire dalla nostra "zona di comfort”, che è una zona in realtà di comfort/insoddisfazione, ma siamo spesso più disposti a tollerare l’insoddisfazione delle cose note, piuttosto che il rischio delle cose ignote.

PER APPROFONDIRE: 5 passi per superare la paura di fallire

Ma purtroppo tutto ciò che ci attrae e che rappresenta una crescita sta oltre le nostre paure. Al di qua delle nostre paure non ci sta nulla che può veramente farci crescere.

Ora queste tre trappole, il procrastinare, la mancanza di chiarezza sugli obiettivi e la paura dell’ignoto, sono delle forme di mancanza di responsabilità nei confronti delle scelte che facciamo nella vita, cioè noi ragioniamo, diciamo "voglio raggiungere questo obiettivo”, ma non ci responsabilizziamo abbastanza su questa cosa e quindi offriamo la possibilità alla nostra mente di cominciare a tirare fuori scuse, di cominciare a tirare fuori alibi, di cominciare a mettere in discussione ulteriormente quello che abbiamo già discusso per 10 anni. Quindi è una mancanza di assunzione di responsabilità nei nostri confronti e nei confronti della nostra vita.

Quello che voglio fare oggi è proporti una strategia dirompente dal mio punto di vista per superare questo ostacolo del non responsabilizzarsi nei confronti della scelta fatta. E cos'è questa strategia? È socializzare i tuoi obiettivi.

Cosa vuol dire socializzare i tuoi obiettivi?

Condividerli con gli altri.

Nel momento in cui il tuo obiettivo non è più segreto perché l'hai condiviso con qualcuno, ti sei già assunto una responsabilità importante, hai già superato un certo grado di paura e hai affrontato forse il rischio più grande connesso con qualsiasi tipo di scelta che è il rischio di dover affrontare un fallimento.

Il fatto di condividere con gli altri diventa veramente un incredibile volano per poi passare all’azione. E ti dirò di più, io condividerei con gli altri anche in una misura veramente schematica e crescente. Partirei con una condivisione cauta nella mia famiglia, perché ovviamente la famiglia nella stragrande maggioranza dei casi è più benevolente nei nostri confronti. Quindi il primo grado è condividere con i propri familiari.

Già qui ci sono molti che non lo fanno e che si tengono le cose segrete. Ecco, se non abbiamo il coraggio neanche di condividere con i nostri familiari siamo piuttosto sicuri che a un certo punto troveremo qualche scusa per non fare nulla.

Il gradino successivo è condividere con gli amici e con le persone che ci vogliono bene, parlare dei nostri obiettivi e dire “Entro sei mesi, entro un anno, entro un mese, voglio fare questo”. Dirlo in modo tale che loro ci tengano in un certo senso a vedere il risultato e si confrontino con noi in futuro e ci domandino “Allora hai fatto questa cosa? A che punto sei?”. Questi sono dei richiami rispetto alla responsabilità della scelta.

Poi ti dirò di più... il massimo del coraggio e della forza è condividere i tuoi obiettivi con i nemici e nemici è una parola forte, diciamo con i tuoi non alleati, col collega che sai che non sta aspettando altro che tu faccia un passo falso, con quella persona che conosci vagamente ma che sai che è piena di invidia nei tuoi confronti.

Chi ha coraggio di condividere con queste persone gli obiettivi ha superato qualsiasi forma di paura e di rischio di fallimento; e se hai avuto il coraggio di condividere i tuoi obiettivi con le persone che non aspettano altro che tu fallisca, questo genererà un'enorme forza in te per non fallire.

Dr. Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2007
1° medico italiano certificato in medicina anti-aging

 

 

 

SCOPRI IL BLOG: www.filippo-ongaro.it

Dr. Ongaro® è un marchio registrato
Inner Freedom SA I Human Health & Performance
Via S. Balestra 18 | 6900 Lugano I Switzerland Bandiera Svizzera

 
 

banner 4 fondamenti sviluppo salutare

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando questo sito sei d'accordo con l'utilizzo degli stessi. Maggiori informazioni. OK

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico
anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico
anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico
anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.

Scopri i 4 fondamenti dello sviluppo salutare!

Ricevi anche tu il video gratuito in cui il Dr. Ongaro ti svela le 4 aree su cui concentrarti per migliorare la tua salute fisica e mentale e vivere una vita al massimo del tuo potenziale!

Il Dr. Filippo Ongaro è l'ex medico degli astronauti e il primo medico
anti-aging in Italia. Inizia questo percorso di trasformazione assieme a lui.