Mangia che dimagrisciA que­ste si aggiun­gono i mes­saggi costanti e inva­denti del mar­ke­ting delle indu­strie alimen­tari, che ci condizionato a com­prare cibi senza zuc­cheri (ma pieni di dolcificanti), cibi “light” poveri in grassi (ma pieni di zuc­cheri), cibi spac­ciati come natu­rali (ma pieni di con­ser­vanti). Una palude di infor­ma­zioni vaghe e con­fuse. E un solo dato certo: continuiamo a ingras­sare. È neces­sa­rio fare ordine. Per­ché le cose sono molto più com­plesse di come ce le raccontano.

La verità è sco­moda, ma affron­tarla è urgente: qual­cosa si è spez­zato nel deli­cato equi­li­brio che lega il nostro meta­bo­li­smo all’ambiente che ci cir­conda, e l’origine di que­sta frat­tura va ricer­cata nel cibo che inge­riamo: iper­pro­ces­sato, iper­ca­lo­rico e ipo­nu­triente.

Solo un approc­cio scien­ti­fico può aiu­tarci a ritro­vare quell’equilibrio per­duto e a per­dere peso per non ingras­sare più. Que­sto libro – cor­re­dato da un pra­tico menu sano settimanale, da gustose ricette e ricco di con­si­gli pra­tici – ci fa sco­prire come scegliere di dima­grire è sì que­stione di essere più snelli e attraenti, ma non solo: è una prio­rità asso­luta per la nostra salute, un’assicurazione sulla nostra vita.

Mangia che dimagrisci - Bibliografia